OPI-1982_vet (3).png

Daniele Scardina: “Rispetto Giovanni De Carolis, ma lo batterò!”

Venerdì 13 maggio, all’Allianz Cloud di Milano, nel clou della Milano Boxing Night organizzata da Opi Since 82-Matchroom-DAZN e trasmessa in diretta streaming ed in seguito on demand da DAZN, il campione intercontinentale WBO dei pesi supermedi Daniele Scardina (20-0 con 16 KO) difenderà il titolo contro l’ex campione del mondo WBA Giovanni De Carolis (30-10-1 con 14 KO). I biglietti stanno andando a ruba. Per comprarli, basta scrivere Milano Boxing Night su TicketOne.it e poi scegliere il tipo di biglietto. I più economici costano solo 25 Euro. Si prevede il tutto esaurito. Questo incontro è il più atteso dagli appassionati di boxe perché mette uno contro l’altro un astro nascente (Scardina) e un campione affermato (De Carolis) che ha sostenuto il doppio dei combattimenti e compiuto l’impresa di conquistare per knock out tecnico all’undicesimo round il titolo mondiale in Germania contro l’idolo locale Vincent Feigenbutz il 9 gennaio 2016 ad Offenburg.


Scardina e De Carolis sono molto diversi anche caratterialmente: Scardina è diventato un fenomeno mediatico, ha partecipato a programmi televisivi di grande successo come Ballando con le stelle, si trova a suo agio alle conferenze stampa e ad altri eventi pubblici. De Carolis è di poche parole e non ha mai voluto diventare un personaggio mediatico anche se di recente ha lavorato al film Ghiaccio e questo gli ha portato molta pubblicità in televisione e su altri media con un grande pubblico.


Dal punto di vista tecnico, Scardina e De Carolis sono entrambi pugili di alto livello anche se Scardina ha una percentuale maggiore di vittorie prima del limite. Insomma, i presupposti per riempire i 5.300 posti dello storico impianto di Piazzale Stuparich ci sono tutti perché stanno comprando i biglietti sia gli appassionati di boxe che persone che abitualmente non seguono questo sport ma conoscono Daniele Scardina perché lo vedono spesso in televisione e sui media a grande tiratura e sono curiosi di vederlo combattere. Stesso discorso per Giovanni De Carolis. Infatti, per questo incontro hanno manifestato interesse media generalisti o di settori diversi da quello sportivo incuriositi dalla qualità del match, dalla personalità dei pugili che ne saranno protagonisti e dall’interesse del pubblico che ha già comprato tutti i biglietti del bordo ring (i più costosi).

Daniele Scardina si sta allenando a Miami Beach, dove risiede da diversi anni, alla 5th Street Gym di Dino Spencer, la palestra in cui dal 1950 si sono allenati tanti campioni divenuti leggendari come il grandissimo Muhammad Ali.


Daniele, come procede l’allenamento?

“Nel migliore dei modi. La mattina sono alla 5th Street Gym per un paio d’ore e curo la parte pugilistica con il maestro Dino Spencer e faccio sparring con i pugili professionisti che frequentano la palestra. Il pomeriggio mi dedico alla preparazione atletica per un’ora e mezza. Di recente, sono stato contattato dal team del campione del mondo dei pesi medi Gennady Golovkin. Avevano allestito un campo di allenamento in una palestra di Hollywood, una città della Florida ad un’ora di macchina da Miami Beach, e cercavano uno sparring partner per Golovkin. Amici comuni hanno fatto loro il mio nome e mi hanno telefonato. Ho accettato subito e sono andato a Hollywood con il maestro Spencer. Ho fatto una seduta di sparring con Golovkin che si è complimentato con me e quindi ho fatto una seconda seduta e poi una terza. E’ stata una grande esperienza scambiare pugni con uno dei più grandi campioni della nostra epoca.”


Che opinione hai di Giovanni De Carolis? “Dal punto di vista sportivo, ha dimostrato di essere un campione. Dal punto di vista umano, l’ho conosciuto ed ho grande stima di lui. Quando sono andato a Roma per partecipare ad un programma televisivo, mi sono allenato nella palestra di Italo Mattioli e c’era anche Giovanni: è un uomo serio, che sa stare insieme agli altri, ho il massimo rispetto per lui. Detto questo, il 13 maggio allo storico Allianz Cloud vincerò io!”


Questo match sta avendo grande spazio sui mezzi di comunicazione. Sei consapevole che combatterai nel match dell’anno per la boxe italiana? “Certo che lo sono e questo mi fornisce un’ulteriore motivazione per allenarmi al meglio delle mie possibilità e vincere il 13 maggio. Sarei felicissimo se questo match riportasse al palasport persone che hanno smesso di seguire la boxe da anni e facesse appassionare al nostro sport persone che non lo hanno mai seguito.”



Da quado combatti negli eventi Opi Since 82-Matchroom-DAZN hai vinto il titolo internazionale IBF, quello dell’Unione Europea ed il campionato intercontinentale WBO. Sei soddisfatto dei risultati raggiunti? “Sono molto soddisfatto e voglio continuare a vincere per avvicinarmi sempre di più al mio obiettivo: combattere per il mondiale.”


La categoria dei pesi supermedi è ricca di talenti. C’è un pugile che vorresti affrontare per avere negli Stati Uniti la stessa attenzione mediatica che hai in Italia? “Io sono abituato a procedere un passo alla volta. In questo momento, devo affrontare Giovanni De Carolis e non penso ad altro. Vorrei solo dire a tutti di venire all’Allianz Cloud il 13 maggio, non perdetevi questo grande evento!”.