OPI-1982_vet (3).png

Francesco Sarchioto combatterà contro Francesco Russo per il Titolo Italiano dei pesi superwelter

Venerdì 28 ottobre, al Pala Atlantico di Roma, nella main card della manifestazione pugilistica organizzata da OPI Since 82 e Top Rank, Francesco Sarchioto (15-1-0, 5KO) e Francesco Russo (11-2-0, 9KO) si contenderanno il vacante Titolo Italiano dei pesi superwelter. Un derby romano d’altri tempi.


Francesco Sarchioto, che si allena presso l’Imperium Boxe di Anzio, ha la boxe nel sangue: è il fratello maggiore di Giovanni Sarchioto ed è professionista dal 2017. Il suo record è solido: dopo la sconfitta all’esordio contro Federico Cerelli, ha messo in fila 15 vittorie consecutive, di cui cinque prima del limite.


Locandina Francesco Russo vs Francesco Sarchioto

Ciao Francesco, come stai? Come sta andando la preparazione per questo incontro?

“Faccio sempre doppia seduta in preparazione. Mattina e pomeriggio. La mattina faccio sessioni atletiche, corsa o pesi. Oggi ho fatto corsa lunga in pineta. Nel pomeriggio faccio tecnica in palestra. Nello sparring sto cercando di fare round più intensi e più lunghi perché è un match importante e sto ruotando vari pugili, per il resto siamo sempre io, mio padre e mio fratello Giovanni”.


Dopo il match contro Amiridze, quali sono stati gli accorgimenti tecnici e fisici che stai portando durante il training camp?

“No, è stato un match differente da questo che affronterò contro Russo. Era un incontro più alla portata, mi è servito per provare alcune tecniche”


Come ti senti, dopo ben cinque anni da professionista, a disputare un titolo italiano? Per di più in un derby romano, davanti alla tua gente, in una card di spessore internazionale?

“Davvero una bellissima soddisfazione, da quando sono passato professionista che sogno la cintura di campione italiano. Non aspettavo altro. Ora che ho questa chance voglio dare il massimo!”


Una curiosità più di colore: tra fratelli, fate sparring? Chi è più competitivo tra te e Giovanni?

“Poco. Per me mio fratello è un punto di riferimento. Non prendiamo in considerazioni le gare, io e Giovanni. Tecnicamente e atleticamente lavoriamo moltissimo assieme, ma sparring no. Al massimo lavori per colpi d’occhio. Siamo molto legati. Fa parte del mio team, è la mia famiglia. Siamo una famiglia con una grande tradizione ed essere il primo ad avere una chance per il titolo mi fa sentire carico come non mai”


Cosa pensi Francesco Russo? Lo conosci, ci hai mai lavorato insieme?

“Stiamo lavorando su di lui, si sa che pugile è. Mi preparerò per non farmi trovare, lui viene dentro, si sa che picchia, io risponderò con un pugilato più tecnico”.


Che match ti aspetti da un pugile come Russo?

“Non mi aspetto niente: ogni match è una storia separata. Russo è Russo, lo conosciamo. Non predilige i colpi lunghi, ma non posso mai dire niente. Non ho aspettative, sono pronto a tutto”.


La manifestazione del 28 ottobre sarà trasmessa in diretta streaming gratuita su Mola Italia. Basta scaricare l’applicazione e registrarsi sulla piattaforma. Lo streaming per gli Stati Uniti sarà garantito da ESPN+.