OPI-1982_vet (3).png

Luca Rigoldi difende il titolo europeo dei pesi supergallo


Giovedì 17 dicembre allo storico Allianz Cloud di Milano, il campione d’Europa dei pesi supergallo Luca Rigoldi (22 vittorie, 8 prima del limite, 1 sconfitta e 2 pareggi) difenderà il titolo contro lo sfidante ufficiale Gamal Yafai (Gran Bretagna, 17-1 con 10 KO) nel co-main event della manifestazione organizzata a porte chiuse da Opi Since 82-Matchroom Boxing Italy e dal servizio streaming DAZN che la trasmetterà in diretta. Si tratta della terza difesa per Rigoldi che ha conquistato la vacante cintura dell’European Boxing Union il 17 novembre 2018 superando ai punti il francese Jeremy Parodi in Francia e l’ha difesa contro l’altro transalpino Anthony Settoul e l’ucraino Oleksandr Yegorov. L’ultimo combattimento di Rigoldi risale al 14 dicembre 2019 a Polverara nei pressi di Padova: un pari contro Spartak Shengelia (che aveva battuto ai punti qualche mese prima). Nato a Caldogno, in Veneto, il 27enne Rigoldi ha debuttato tra i professionisti nel febbraio 2015 gestito dalla Boxe Loreni ed è diventato anche campione d’Italia e dell’Unione Europea dei pesi supergallo. La sua unica sconfitta risale al 18 marzo 2016, contro Vittorio Parrinello per il titolo italiano. Era il primo tentativo di Rigoldi di vincere il titolo nazionale, ma perse ai punti. Rigoldi ha poi vinto la cintura tricolore contro Iuliano Gallo e si è preso la rivincita su Parrinello battendolo per il campionato dell’Unione Europea. Il 29enne Gamal Yafai sarà sicuramente un avversario ostico. Ha avuto una buona carriera dilettantistica vincendo la medaglia di bronzo agli europei di Mosca nel 2010 (in cui ha battuto Vittorio Parrinello nel secondo turno). Da professionista, Gamal Yafai è diventato campione del British Commonwealth dei pesi supergallo e campione internazionale WBC nella stessa categoria. Ha peso solo contro Gavin McDonnell, un pugile di talento con un’esperienza superiore ad alto livello tanto che ha combattuto due volte per il mondiale dei pesi supergallo. Tra l’altro, Gamal Yafai proviene da una famiglia di pugili: suo fratello Khalid è stato campione del mondo dei pesi supermosca WBA dal dicembre 2016 al febbraio scorso. In definitiva, Rigoldi-Gafai è un match da non perdere e che conferma l’alto livello di questa manifestazione.

Luca, hai studiato il tuo avversario?

“Non ho l’abitudine di guardare i video dei combattimenti dei miei avversari, lascio questo compito al mio allenatore Gino Freo. Mi sono allenato come al solito, con il mio amico ed ex campione d’Europa dei pesi superpiuma Devis Boschiero. Ho iniziato ad allenarmi lo scorso giugno anche perché la difesa del titolo europeo era prevista per marzo a Verona, poi c’è stato il primo lockdown e finito quello non si sapeva con esattezza quando si sarebbe potuto riprendere ad organizzare manifestazioni professionistiche. Alla fine ho avuto la certezza della data un mese e mezzo fa, ma io ero già pronto a salire sul ring.”

Gamal Yafai ha avuto una bella carriera dilettantistica, parlaci della tua.

“Sono diventato campione regionale nel 2013 e nel 2014. Ho partecipato ai campionati assoluti, arrivando due volte terzo nel 2013 e nel 2014. Ho vinto la medaglia d’argento a Parigi, al torneo Les Ceintures nel 2014. Ho partecipato ad un evento organizzato alla famosa Gleason’s Gym a New York. Non sono mai stato convocato in nazionale.”

Quanto ti alleni per un match di questa importanza?

“Dipende dalla giornata, una o due volte al giorno. La mattina faccio preparazione atletica con Devis e la sera vado in palestra.”

Mentre ti alleni hai in mente un campione a cui vorresti somigliare? Oppure lo avevi da ragazzo come punto di riferimento?

“A livello stilistico no e non l’ho mai avuto. Come persona mi piace molto Manny Pacquiao perché nonostante il successo è rimasto un uomo umile che usa i suoi soldi per fare beneficenza e che ama stare in mezzo alla gente comune.”

Oltre a combattere, hai un lavoro dal lunedì al venerdì?

“Lavoro in due palestre, a Thiene (dove abito) ed a Vicenza. Insegno pugilato e lavoro come personal trainer. Sono attività che mi lasciano il tempo di allenarmi nel migliore dei modi.”

Nel clou della manifestazione del 17 dicembre, Devis Boschiero (48-6-2 con 22 KO) sfiderà il belga di origine italiana Francesco Patera (23-3 con 8 KO) sulla distanza delle 12 riprese per il vacante titolo Silver WBC dei pesi leggeri. Inoltre, la campionessa del mondo dei pesi superpiuma IBF Maiva Hamadouche (21-1 con 17 KO) difenderà la cintura contro la serba Nina Pavlovic (6-3-1 con 1 KO) sulla distanza dei dieci tempi. Il campione d’Europa dei pesi superleggeri Sandor Martin (36-2 con 13 KO) si scontrerà con Nestor Maradiaga (8-9-1, 4 KO) in un match senza titolo in palio sulla distanza delle otto riprese. Il peso superwelter romano Mirko Natalizi (8-0 con 5 KO) sfiderà Manuel Largacha (9-9-6 con 4 KO) sulla distanza delle otto riprese. Infine, il venezuelano Samuel Gonzalez (22-7 con 13 KO) affronterà l’italiano Nicola Henchiri (8-3-2) sulla distanza delle 6 riprese.

opi since 82

OFFICE

OPI Since 82 srl

Assago

20057 Milano

  • Facebook - Bianco Circle
  • Twitter - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • YouTube - Bianco Circle

GYM

Opi Gym Boxing Club Milano

Corso di Porta Romana 116/A

20144 Milano  

+39 0289 452 029