OPI-1982_vet (3).png

Maxim Prodan torna a combattere: "Non ho molto da dire: farò parlare il ring!"

Ripartire dalle basi, con massima dedizione: questa è la definizione del mindset che caratterizzerà il rientro sul ring di Maxim Prodan, ex campione internazionale IBF, che salirà sul ring contro il nicaraguense Reynaldo Mora in un match di sei riprese nell’undercard della Pagani Boxing Night.


La manifestazione, organizzata dalla OPI Since ’82, si terrà a Pagani il 29 luglio 2022 all’interno dello Stadio Comunale Marcello Torre e sfoggerà come Main Event lo scontro valevole per il vacante Titolo Italiano dei Pesi Supergallo tra Vincenzo “Winchester” La Femina, pugile di casa, e il toscano Marco Scalia.


I biglietti sono in vendita al prezzo di 25,00€ per il bordoring, 15,00€ per la tribuna: per maggiori informazioni basta contattare la pagina instagram Thunder Boxing Club di Pagani. I biglietti saranno in vendita anche la serata dell'evento, al botteghino dello stadio.



Per Maxim Prodan si tratta di azzerare le ultime prestazioni (due sconfitte di cui una prima del limite) e di ricominciare a combattere con la consapevolezza di essere un pugile diverso, ma comunque determinato a raggiungere nuovi traguardi.


Come è andata la preparazione per questo match? Ti abbiamo visto lavorare tanto sui fondamentali, jab, diretto, spostamenti semplici.

“Sto lavorando tanto con il maestro e con il mio preparatore, tre volte a settimana faccio potenziamento atletico. Tanti circuiti, tanto lavoro di gambe. La preparazione va molto bene. Sto cercando di imparare un nuovo tipo di pugilato, che mi manca. Devo fare molto meglio di quanto successo all’ultimo match”.


Come hai maturato la decisione di affidarti a Roberto Scrigna per la gestione del peso?

“Perché al mio ultimo incontro ho mancato il peso e di tanto, ho dovuto pagare anche una multa. Non mi è piaciuto sbagliare così, voglio arrivare al top”


In un anno, purtroppo il tuo record è cambiato. Due sconfitte, di cui una per TKO. Come ti senti mentalmente, psicologicamente?

“Sono davvero sereno, sembra strano ma è così. La sconfitta con Marku non era una sconfitta, non l’ho mai accettata, si dice che è “just business”. Ma non avevo ancora capito cosa vuol dire andare a terra. Ora ho conosciuto tutto e posso dimostrare di andare di nuovo verso l’alto”


Che lezione hai imparato, dal tuo ultimo match?

“Mai, mai sottovalutare un avversario. Non era finito il match quando lui era andato giù. Dovevo finirlo”


Conosci il tuo avversario? Hai studiato il suo record?

“Voglio vincere prima del limite. Per me è questo l’obiettivo. Voglio fare vedere chi sono. Sono ancora più forte di prima”.


Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro? Nell'intervista di Matchroom Boxing avevi detto che ti sarebbe piaciuto andare in UK per vincere in trasferta contro un pugile inglese.

“Sì. Non voglio dire altro, preferisco far parlare il ring”.