OPI-1982_vet (3).png

Maxim Prodan vs Nicola Cristofori

“Maxim Prodan è un attaccante, ma ho già battuto avversari come lui. Porterò Maxim a spasso per tutte le dieci riprese” aveva detto Nicola Cristofori nei giorni precedenti al match. Pronta la risposta di Prodan: “Cosa pensa che non sono capace di tagliare il ring e metterlo all’angolo? Mi basta colpirlo una sola volta per metterlo al tappeto.” Per nove riprese, il match è andato come aveva previsto Nicola Cristofori che si muoveva molto facendo andare a vuoto Prodan e colpendolo di rimessa. Nel quinto round Cristofori è andato al tappeto, ma questo non ha cambiato l’andamento del match. Nel nono round, Prodan si è fermato ed ha invitato Cristofori a combattere. Nel decimo, Prodan ha colpito Cristofori facendogli saltare il paradenti. Cristofori ha fatto segno all’arbitro che il paradenti era sul tappeto ed in quel momento si è reso vulnerabile ad una spettacolare combinazione di cinque pugni di Prodan che lo ha centrato al volto aprendogli una ferita sul sopracciglio destro. L’arbitro ha dichiarato il knock out tecnico a un minuto e quindici secondi dalla fine perché Cristofori non rispondeva ai pugni di Prodan. Inferocito l’allenatore di Cristofori: “Perché lo ha fermato? Non era in pericolo.” Questa la risposta dell’arbitro: “Cristofori non faceva niente”. Al microfono di DAZN Maxim Prodan ha dichiarato: “La boxe è una battaglia, Cristofori non faceva altro che scappare. Siamo qui per combattere. Comunque, il campione sono ancora io.”