OPI-1982_vet (3).png

Santa Marinella Boxing Night: Marsili vince il titolo dell’Unione Europea davanti al suo pubblico

La Santa Marinella Boxing Night del 1 aprile, manifestazione organizzata da OPI Since ’82 con il patrocinio del Comune di Santa Marinella e della Regione Lazio, ha testimoniato l’ennesima vittoria del pugile di casa, Emiliano “Tizzo” Marsili, che a 45 anni batte un rivale di 13 anni più giovane, lo spagnolo Frank Urquiaga, conquistando la cintura dell’Unione Europea dei pesi leggeri.


La serata, svolta all’interno del Palazzo dello Sport Olimpico del comune del litorale romano, è stata caratterizzata da una rilevante cornice di pubblico che ha assiepato le tribune e il parterre dell’impianto sportivo ed è stata trasmessa in live streaming dal canale YouTube della Federazione Pugilistica Italiana.


Alle ore 20,00 suona la prima campanella, che segna l’avvio del sottoclou: Omar Nguale Ilunga, in arte ION, rapper romano con alle spalle venti incontri pro, sale sul ring contro Alex Visocnik, categoria pesi medi. Match aggressivo per Ilunga, che mette al tappeto ripetutamente il suo avversario. Alla quarta ripresa, infatti, l’arbitro interrompe le ostilità e Ilunga vince per TKO, aggiornando il suo record a 18-2-1.


Omar Nguale Ilunga prova un montante su Visocnik

Segue poi Giovanni Sarchioto, peso medio del team OPI Since ’82 e in forza all’Esercito Italiano, che batte il suo avversario, l’esordiente Samir Nasim, per KO alla prima ripresa, dopo aver messo a segno una combinazione a due mani che piega le gambe di Nasim. Per Sarchioto un match di preparazione in vista del suo esordio in diretta mondiale su DAZN: combatterà nell’undercard di Ivan Zucco contro Marko Nikolic, il 22 aprile 2022, nella manifestazione che OPI Since ’82 organizzerà con Matchroom Boxing a Verbania, Piemonte.


Giovanni Sarchioto vince per KO alla prima ripesa

Terzo match che chiude l’undercard, ed è il ritorno di Francesco Russo sul ring, dopo la sconfitta subita contro Tony Dixon nella manifestazione Roma Boxing Night di novembre 2021. Russo sale di categoria rispetto all’ultima sfida, che lo aveva visto competere nei superwelter, e combatte contro il palermitano Giusto Durante (3-1) al limite dei 72 chili. Una prima ripresa che vede Russo inchiodare Durante con colpi al corpo e al volto, in linea con il suo stile da puncher che scambia alla corta distanza. Durante abbandona l’incontro a pochi secondi dall’inizio della seconda ripresa, regalando così la vittoria a Russo, la nona prima del limite su 13 match disputati per il romano.


Francesco Russo inchioda Giusto Durante alle corde

Alle 21.30 parte il co-main event della serata: Daniel Spada contro Andrea Sito, match tra pesi leggeri, due prospect del panorama pugilistico nazionale. In palio, la cintura WBC Youth Intercontinentale. Il pubblico acclama Daniel Spada, che è di casa sul territorio romano, e tutta la performance dei due pugili è un crescendo di emozioni. Daniel Spada sfrutta l’allungo, un jab preciso e rapido che va spesso a segno e un ottimo movimento delle gambe per mettere in difficoltà Sito, il quale nelle prime riprese ha difficoltà a trovare la giusta distanza. Con il passare dei round, il pressing di Sito trova il suo senso, consentendo al milanese di colpire con diversi ganci sinistri il volto di Spada. Otto riprese scorrevoli e intense, che si risolvono in un verdetto ai punti: Daniel Spada vince la cintura per decisione unanime. 78-74, 77-75, 79-73 il verdetto dei giudici.


Daniel Spada è il nuovo campione WBC Youth Intercontinental

Il Main Event, il confronto più atteso, si apre con gli inni nazionali che risuonano nel Palazzo dello Sport di Santa Marinella. La Marcha Real fa vibrare l’angolo blu di Frank Urquiaga, mentre l’Inno di Mameli è cantato da tutto il pubblico, con Emiliano Marsili in piena concentrazione prima dell’inizio dell’incontro. Sono dodici riprese dure, di battaglia. Marsili e Urquiaga sono due stilisti per natura, ma non si risparmiano in nessun round, finendo spesso per scambiare alla corta distanza e per contrattaccare reciprocamente. Ci sono momenti estremi sia per Tizzo Marsili che per La Ley Urquiaga. Marsili subisce un atterramento alla terza ripresa (contestato dal suo angolo) ma non demorde e cerca con ogni mezzo necessario di ribaltare lo svantaggio. Una prestazione di assoluto coraggio da parte di Emiliano, che continua a crederci fino all’ultima ripresa. Verrà premiato per caparbietà e intensità dal verdetto dei giudici, che lo vedranno vincitore per Decisione Non Unanime: 115-113, 112-115, 115-112 i cartellini da bordo ring. Il pubblico acclama Emiliano Marsili, che mantiene la sua imbattibilità (41-0-1 il record di Marsili) e conquista l’ennesima cintura da aggiungere al suo ricco palmarès, continuando a sognare una chance per l’Europeo di categoria, e magari un mondiale, come ammette candidamente nelle interviste post-match.


Marsili colpisce Urquiaga con un destro

“Prima di ritirarmi vorrei combattere per il titolo del mondo. Non con la presunzione di vincerlo, ma per l'orgoglio di disputare un incontro di questa importanza e chiudere in bellezza la carriera” commenta Marsili davanti alle telecamere della Federazione Pugilistica Italiana, intervistato da Giovanni De Carolis.


La tensione del verdetto: Marsili vince il titolo dell'Unione Europea pesi leggeri per Decisione Non Unanime

Una manifestazione, la Santa Marinella Boxing Night, che mantiene le aspettative delle settimane precedenti e che conferma la linea delle riunioni pugilistiche di OPI Since ’82, che puntano su location ricettive e su atleti del territorio che riescano a convogliare attrattive e pubblico durante gli eventi, creando una forte sinergia con le istituzioni locali, come successo con il sindaco Pietro Tidei di Santa Marinella il cui impegno e supporto hanno contribuito in maniera determinante alla riuscita della manifestazione.